Segnalazione Narrativa | Borgo Sud di Donatella Di Pietrantonio e L’appello di Alessandro D’Avenia

Segnalazione narrativa borgo sud donatella di pietrantonio l'appello alessandro d'avenia

Segnalazione Narrativa

Buon pomeriggio lettrici e lettori!

Escono oggi due romanzi di narrativa scritti da autori che in passato mi sono piaciuti molto: Borgo Sud di Donatella Di Pietrantonio, autrice del romanzo L’Arminuta, una storia che mi ha toccato il cuore, e L’appello di Alessandro D’Avenia, uno scrittore che sa parlare ai giovani.

Borgo Sud è pubblicato da Einaudi, mentre L’appello da Mondadori.

Borgo Sud

Borgo Sud (Supercoralli) di Donatella Di Pietrantonio

Titolo: Borgo Sud
Autrice: Donatella Di Pietrantonio
Editore: Einaudi
Data di uscita: 3 novembre 2020
Genere: Narrativa Contemporanea
Collana: Super Coralli
Pagine: 168
Prezzo Ebook: 9,99 €
Prezzo Cartaceo: 17,10 €

GOODREADS
AMAZON
KOBO
IBS
MONDADORI

Trama

C’era qualcosa in me che chiamava gli abbandoni.

È il momento piú buio della notte, quello che precede l’alba, quando Adriana tempesta alla porta con un neonato tra le braccia. Non si vedevano da un po’, e sua sorella nemmeno sapeva che lei aspettasse un figlio. Ma da chi sta scappando? È davvero in pericolo?

Adriana porta sempre uno scompiglio vitale, impudente, ma soprattutto una spinta risoluta a guardare in faccia la verità. Anche quella più scomoda, o troppo amara. Così tutt’a un tratto le stanze si riempiono di voci, di dubbi, di domande.

Entrando nell’appartamento della sorella e di suo marito, Adriana, arruffata e in fuga, apparente portatrice di disordine, indicherà la crepa su cui poggia quel matrimonio: le assenze di Piero, la sua tenerezza, la sua eleganza distaccata, assumono piano piano una valenza tutta diversa.

Anni dopo, una telefonata improvvisa costringe la narratrice di questa storia a partire di corsa dalla città francese in cui ha deciso di vivere. Inizia una notte interminabile di viaggio – in cui mettere insieme i ricordi -, che la riporterà a Pescara, e precisamente a Borgo Sud, la zona marinara della città.

È lì, in quel microcosmo così impenetrabile eppure così accogliente, con le sue leggi indiscutibili e la sua gente ospitale e rude, che potrà scoprire cos’è realmente successo, e forse fare pace col passato.
Donatella Di Pietrantonio torna dopo L’Arminuta con un romanzo teso e intimo, intenso a ogni pagina, capace di tenere insieme emozione e profondità di sguardo.

L’autrice: Donatella di Pietrantonio

È nata ad Arsita, in provincia di Teramo. Si è poi trasferita per studio all’Aquila dove, nel 1986, si è laureata in Odontoiatria nella locale Università. Da lungo tempo risiede a Penne, in provincia di Pescara, ove esercita la professione di dentista pediatrico.[1]

Ha esordito nel 2011 con il romanzo Mia madre è un fiume, ambientato nella terra natale. Nello stesso anno pubblica il racconto Lo sfregio sulla rivista Granta Italia di Rizzoli.

Nel 2013 pubblica il suo secondo romanzo, Bella mia, dedicato e ambientato all’Aquila. L’opera, influenzata dalla tragedia del terremoto del 2009 e incentrata sul tema della perdita e dell’elaborazione del lutto, è stata candidata al Premio Strega ed ha vinto il Premio Brancati nel 2014.

Nel 2017 pubblica per Einaudi il suo terzo romanzo, L’Arminuta, anch’esso ambientato in Abruzzo; il titolo è un termine dialettale traducibile in «la ritornata».
Il libro approfondisce il tema del rapporto madre-figlio nei suoi lati più anomali e patologici. ed è risultato vincitore del Premio Campiello e del Premio Napoli. Nel 2019, dal romanzo è stato tratto uno spettacolo teatrale prodotto dal Teatro Stabile d’Abruzzo.


L’appello

L'appello di Alessandro D'Avenia

Autore: Alessandro D’Avenia
Editore: Mondadori
Data di uscita: 3 novembre 2020
Genere: Narrativa Contemporanea
Pagine: 348
Prezzo Ebook: 9,99 €
Prezzo Cartaceo: 19,00 €

GOODREADS
AMAZON
KOBO
IBS
MONDADORI

Trama

E se l’appello non fosse un semplice elenco? Se pronunciare un nome significasse far esistere un po’ di più chi lo porta? Allora la risposta “presente!” conterrebbe il segreto per un’adesione coraggiosa alla vita.

Questa è la scuola che Omero Romeo sogna. Quarantacinque anni, gli occhiali da sole sempre sul naso, Omero viene chiamato come supplente di Scienze in una classe che affronterà gli esami di maturità.

Una classe-ghetto, in cui sono stati confinati i casi disperati della scuola. La sfida sembra impossibile per lui, che è diventato cieco e non sa se sarà mai più capace di insegnare, e forse persino di vivere.

Non potendo vedere i volti degli alunni, inventa un nuovo modo di fare l’appello, convinto che per salvare il mondo occorra salvare ogni nome, anche se a portarlo sono una ragazza che nasconde una ferita inconfessabile, un rapper che vive in una casa famiglia, un nerd che entra in contatto con gli altri solo da dietro uno schermo, una figlia abbandonata, un aspirante pugile che sogna di diventare come Rocky…

Nessuno li vedeva, eppure il professore che non ci vede ce la fa.

A dieci anni dalla rivelazione di Bianca come il latte, rossa come il sangue, Alessandro D’Avenia torna a raccontare la scuola come solo chi ci vive dentro può fare.

E nella vicenda di Omero e dei suoi ragazzi distilla l’essenza del rapporto tra maestro e discepolo, una relazione dinamica in cui entrambi insegnano e imparano, disponibili a mettersi in gioco e a guardare il mondo con occhi nuovi.

È l’inizio di una rivoluzione?

L’Appello è un romanzo dirompente che, attingendo a forme letterarie e linguaggi diversi – dalla rappresentazione scenica alla meditazione filosofica, dal diario all’allegoria politico-sociale e alla storia di formazione –, racconta di una classe che da accozzaglia di strumenti isolati diventa un’orchestra diretta da un maestro cieco.

Proprio lui, costretto ad accogliere le voci stonate del mondo, scoprirà che sono tutte legate da un unico respiro.

L’autore: Alessandro D’Avenia

D’Avenia nasce il 2 maggio 1977 da Rita e Giuseppe D’Avenia, terzo di sei figli. Dal 1990 frequenta il liceo classico Vittorio Emanuele II di Palermo, dove incontra padre Pino Puglisi che insegnava religione nello stesso istituto e dalla cui figura viene fortemente influenzato, così come da quella dell’insegnante di lettere.

Nel 1995 si trasferisce a Roma per frequentare all’Università La Sapienza la facoltà di lettere classiche.
Nel 2000 si laurea in lettere classiche.
Nel 2004 consegue il dottorato di ricerca in letteratura greca con specializzazione in Antropologia del mondo antico, terminandolo con una tesi sulle “sirene” in Omero e il loro rapporto con le Muse nel mondo antico.

Mentre è impegnato col dottorato, insegna per tre anni nelle scuole medie. Finito il dottorato, preferisce l’insegnamento alla ricerca e frequenta la scuola di specializzazione per l’insegnamento secondario, al termine della quale insegna greco e latino al liceo. Fonda una compagnia teatrale dilettante e gira un cortometraggio.

La sua attività di scrittore inizia contemporaneamente a quella di insegnante. Il successo arriva per D’Avenia con il romanzo Bianca come il latte, rossa come il sangue, che diventa presto un best-seller e viene pubblicato in 20 paesi stranieri. Il successo del romanzo d’esordio viene parzialmente confermato dal secondo titolo di D’Avenia, Cose che nessuno sa.

Collabora come pubblicista con alcuni quotidiani italiani.
Come sceneggiatore, nel 2008 ha firmato alcuni episodi della terza serie di “Life Bites – Pillole di vita” presso Disney Italia.
Nel 2011-2012 lavora alla sceneggiatura del film tratto da Bianca come il latte, rossa come il sangue, prodotto da Rai Cinema, che esce nelle sale cinematografiche nel mese di aprile 2013.

Ti è piaciuto questo articolo_ Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *