Nuove uscite 10 novembre | Un’amicizia di Silvia Avallone , La vasca del Führer Serena Dandini , Oggi faccio azzurro Daria Bignardi

Nuove uscite 10 novembre | Un'amicizia di Silvia Avallone, La vasca del Führer Serena Dandini, Oggi faccio azzurro Daria Bignardi

Nuove uscite 10 novembre

Buongiorno lettrici e lettori!

Esce oggi il nuovo libro di Silvia Avallone Un’amicizia edito Rizzoli, una storia sull’amicizia e su quello che i social non mostrano delle persone.
Di questa autrice ho letto altri due libri: Da dove la vita è perfetta e Acciaio, entrambi molto toccanti e sono molto curiosa di leggere anche quest’ultimo libro.

Il nuovo libro di Serena Dandini La vasca del Führer sembra davvero interessante, racconta la vita di una grande donna Lee Miller Penrose.

Da oggi troviamo in libreria anche l’ultimo libro di Daria Bignardi: Oggi faccio azzurro, di questa autrice ho letto e apprezzato Storia della mia ansia.

Un’amicizia Silvia Avallone

Un'amicizia di Silvia Avallone

Titolo: Un’amicizia
Autrice: Silvia Avallone
Editore: Rizzoli
Data di uscita: 10 novembre 2020
Genere: Narrativa Contemporanea
Pagine: 492
Prezzo Ebook: 10,99 €
Prezzo Cartaceo: 18,05 €

GOODREADS
AMAZON KOBO IBS

Trama

La vita ha davvero bisogno di essere raccontata per esistere?

Se le chiedessero di indicare il punto preciso in cui è cominciata la loro amicizia, Elisa non saprebbe rispondere.

È stata la notte in cui Beatrice è comparsa sulla spiaggia – improvvisa, come una stella cadente – con gli occhi verde smeraldo che scintillavano nel buio? O è stato dopo, quando hanno rubato un paio di jeans in una boutique elegante e sono scappate sfrecciando sui motorini?

La fine, quella è certa: sono passati tredici anni, ma il ricordo le fa ancora male.

Perché adesso tutti credono di conoscerla, Beatrice: sanno cosa indossa, cosa mangia, dove va in vacanza. La ammirano, la invidiano, la odiano, la adorano. Ma nessuno indovina il segreto che si nasconde dietro il suo sorriso sempre uguale, nessuno immagina un tempo in cui “la Rossetti” era soltanto Bea – la sua migliore amica.

Elisa è una donna schiva, forse un po’ all’antica. Non ama le foto e i social, convinta com’è che chi siamo sia “infinitamente più interessante, e commovente, di quel che vorremmo a tutti i costi sembrare”.

Ora però vuole mettersi in gioco, fare i conti con se stessa scrivendo: perché soltanto le parole possono restituirci la complessità delle storie che non mostriamo al mondo e che pure, silenziosamente, tutti ci portiamo dentro.

Attraverso la sua voce, Silvia Avallone ci accompagna in questo romanzo potente e liberatorio, invitandoci a riflettere sul nostro presente e a domandarci: “La vita ha davvero bisogno di essere raccontata, per esistere?”.

Autrice: Silvia Avallone

Silvia Avallone è nata a Biella nel 1984 e vive a Bologna, dove si è laureata in Filosofia e specializzata in Filologia moderna con una tesi su La Storia di Elsa Morante.

Nel 2007 ha pubblicato la raccolta di poesia Il libro dei vent’anni, vincitrice del premio Alfonso Gatto sezione giovani. Sue poesie e racconti sono apparsi su GrantaNuovi Argomenti e Vanity Fair.

Con il suo romanzo d’esordio Acciaio (Rizzoli, 2010) ha vinto il premio Campiello Opera Prima, il premio Flaiano, il premio Fregene, il premio Città di Penne, e si è classificata seconda al premio Strega 2010. Il romanzo è stato tradotto in 25 lingue e in Francia, con D’Acier, ha vinto il Prix des lecteurs de L’Express 2011.

Da Acciaio è tratto il film omonimo, per la regia di Stefano Mordini, con Michele Riondino e Vittoria Puccini, prodotto da Palomar e presentato nel 2012 alla 69ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, all’interno delle Giornate degli Autori.

Sempre ad Acciaio è ispirata l’omonima canzone di Noemi che apre l’album Made in London del 2014. Nel 2015 la compagnia teatrale svizzera L’outil de la ressemblance ha portato in scena lo spettacolo D’acier, tratto dalla traduzione francese del romanzo.

Nel 2011, per gli Inediti d’autore del Corriere della Sera, è uscito il racconto La lince, poi tradotto in Francia nel 2012 dalle edizioni Liana Levi con il titolo Le lynx.

Nel 2013 ha pubblicato Marina Bellezza (Rizzoli), il suo secondo romanzo, tradotto in Francia, Olanda, Germania, Norvegia e Svezia.

Il suo terzo romanzo, uscito nel 2017 ancora per Rizzoli, s’intitola Da dove la vita è perfetta. Il titolo è un verso di una sua poesia giovanile de Il libro dei vent’anni, ed è dedicato alla figlia. Tradotto in Francia, Olanda, Svezia e Slovacchia.

Un’amicizia è il suo quarto romanzo.


La vasca del Führer Serena Dandini

Nuove uscite  10 novembre | Un'amicizia di Silvia Avallone , La vasca del Führer Serena Dandini , Oggi faccio azzurro Daria Bignardi 1

Titolo: La vasca del Führer
Autrice: Serena Dandini
Editore: Einaudi
Data di uscita: 10 novembre 2020
Genere: Narrativa Contemporanea
Pagine: 248
Prezzo Ebook: 9,99 €
Prezzo Cartaceo: 16,62 €

GOODREADS
AMAZON KOBO IBS

Trama

Un’istantanea in bianco e nero coglie una donna dalla bellezza struggente immersa in una vasca da bagno del tutto ordinaria. Guardando bene, però, in basso ci sono degli anfibi sporchi di fango, e in un angolo, sulla sinistra, un piccolo quadro. Il viso nella cornice è quello di Adolf Hitler, il fango è quello di Dachau; lei, la donna, è Lee Miller: ha da poco scattato le prime immagini del campo di concentramento liberato, e ora si sta lavando nella vasca del Führer.

Prendendo spunto da una fotografia che ha scoperto per caso, Serena Dandini si mette sulle tracce di Lee Miller Penrose, una delle personalità piú straordinarie del Novecento. La cerca nei suoi luoghi, «dialoga» con lei, ripercorre la sua esistenza formidabile – che ha anticipato ogni conquista femminile – in un avvincente romanzo, una storia vera, tra i fasti e le tragedie del secolo scorso.

Modella, fotografa, reporter di guerra, viaggiatrice appassionata, Lee Miller è stata una donna libera ed emancipata in un tempo in cui esserlo era pressoché impossibile.

Nel giro di pochi anni, dall’essere un’icona della moda, la più bella ragazza d’America, è passata a ispirare grandi artisti e a produrre arte lei stessa. Di lei, e delle sue labbra, si è innamorato follemente Man Ray; i suoi piú cari amici erano Max Ernst, Jean Cocteau e Pablo Picasso, che l’ha dipinta.

Ha seguito la guerra in Europa avanzando insieme all’esercito statunitense, ed è stata tra le prime reporter a entrare nei campi di concentramento.

Con le sue parole, e attraverso l’obiettivo dell’inseparabile Rolleiflex, ha documentato sulle pagine di «Vogue» l’orrore del conflitto. Una vita, quella di Lee, sempre al centro della Storia, un’avventura umana che Serena Dandini riporta alla luce un pezzo alla volta, mettendosi in gioco di persona: con rispetto, con ammirazione, con amore.

Autrice: Serena Dandini

Nata a Roma, dopo gli studi al liceo classico Giulio Cesare si iscrive alla Sapienza di Roma al corso di letteratura anglo-americana, fermandosi a tre esami dalla fine), per iniziare la sua carriera alla radio alla fine degli anni settanta.

Da ragazza, amica di Renato Zero, frequenta l’ambiente del Piper Club a Roma. È stata sposata due volte e dal 1993 è legata al musicista Lele Marchitelli. Ha una figlia, Adele Tulli, nata nel 1982 (regista del documentario 365 without 377 sulle battaglie del movimento LGBT in India per l’abolizione della sezione 377 del codice penale indiano).

Serena Dandini, dopo aver ideato e presentato programmi come La tv delle ragazze, Avanzi, Pippo Chennedy Show, L’ottavo nano e Parla con me, conduce su La7 The show must go off.

Il suo esordio letterario Dai diamanti non nasce niente. Storie di vita e di giardini (Rizzoli, 2011) è stato un grande successo, seguito dalla raccolta di racconti Grazie per quella volta (Rizzoli, 2012) e da Ferite a morte (Rizzoli ControTempo 2013), il suo primo libro di narrazione dal quale è stata tratta una rappresentazione teatrale portata in tournée in Italia e all’estero.


Oggi faccio azzurro Daria Bignardi

Oggi faccio azzurro di [Daria Bignardi]

Titolo: Oggi faccio azzurro
Autrice: Daria Bignardi
Editore: Mondadori
Data di uscita: 10 novembre 2020
Genere: Narrativa Contemporanea
Pagine: 154
Prezzo Ebook: 9,99 €
Prezzo Cartaceo: 17,10 €

GOODREADS
AMAZON KOBO IBS

Trama

«Mi chiamo Gabriele, come l’arcangelo» aveva detto, «ma qui in Germania è un nome da donna. Il tuo invece che razza di nome è?»

Galla si chiama così in onore dell’imperatrice Galla Placidia: «Darmi quel nome è stato uno dei pochi gesti coraggiosi di mia madre».

Da quando è stata lasciata dal marito, improvvisamente e senza spiegazioni, passa le giornate sul divano a fissare la magnolia grandiflora del cortile, fantasticando di buttarsi dal balcone per sfuggire a un dolore insopportabile di cui si attribuisce ogni colpa.

Esce di casa solo per vedere la psicanalista Anna Del Fante o per andare in carcere. «Da quando Doug mi ha lasciata sto bene solo dentro. Canto con altre dieci volontarie in un coro di detenuti tossicodipendenti. Anche io devo disintossicarmi.»

Durante il primo viaggio da sola, a Monaco di Baviera, entra per caso in un museo dove è allestita la mostra della pittrice tedesca Gabriele Münter. Galla, che da ragazza studiava arte, ricorda solo che la Münter era nel gruppo del Cavaliere Azzurro con Vasilij Kandinskij. Ma quel giorno le sue opere «così piene di colore e prive di gioia» la ipnotizzano.

Da quel momento la voce di Gabriele entra nella vita di Galla: la tormenta, la prende in giro e intanto le racconta la sua lunga storia d’amore con Kandinskij, così simile a quella di Galla con Doug.

Mentre il dialogo tra le due si fa sempre più animato, la strada di Galla incrocia quella di altri due pazienti di Anna Del Fante: Bianca, un’adolescente che non riesce più ad andare a scuola, e Nicola, seduttore compulsivo e vittima di attacchi di panico. Le imprevedibili conseguenze di questo incontro potrebbero cambiare le vite di tutti e tre.
Una storia irresistibile – a tratti comica e a tratti struggente – che mescola leggerezza e profondità, grazia e tenerezza, esplorando il nostro rapporto con il dolore, che è poi il nostro rapporto con noi stessi.

Autrice: Daria Bignardi

Daria Bignardi nata a Ferrara il 14 febbraio 1961 è una giornalista, conduttrice televisiva e scrittrice italiana.

Giornalista in attività dagli anni ottanta, ha esordito in Rai con Gad Lerner nel 1991 nella trasmissione Milano, Italia.
Nel 1995 è passata a Mediaset, diventando conduttrice, tra l’altro, di talk show di costume e reality show (Tempi moderni e Grande Fratello).
Su LA7 ha condotto Le invasioni barbariche.

Come giornalista ha collaborato con Vanity Fair, ha diretto Donna dal dicembre 2002 al marzo 2005 e nel 2009 ha esordito come scrittrice (i suoi romanzi sono editi dalla Mondadori).

È stata direttrice di Rai 3 dal 18 febbraio 2016 al 26 luglio 2017.


Ti è piaciuto questo articolo_ Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *