Recensione | Il dolore di Marguerite Duras

libro Il dolore di Marguerite Duras rencensione

Il dolore di Marguerite Duras: Un romanzo incentrato sul dolore e sull’attesa spasmodica del ritorno

Il dolore di Marguerite Duras è un romanzo autobiografico pubblicato nel 1985 in Francia. Narra l’attesa del ritorno dei deportati francesi dai campi di concentramento.

L’opera è composta da due parti: la prima è costituita da pagine di diario, la seconda da cinque racconti: Il Signor X detto qui Pierre Rabier, Albert des Capitales, Il miliziano Ter, L’ortica spezzata, Aurélia Paris. I primi tre sono autobiografici gli ultimi due invece sono racconti d’invenzione.

L’autrice ritrova questi scritti abbandonati in armadi blu di una casa di campagna e decide di pubblicarli, senza apportare modifiche, quando la rivista “Sorcières” le chiese dei testi giovanili.

La parola “scritto” qui stonerebbe. Mi sono trovata davanti a pagine uniformemente piene di una calligrafia minuta, straordinariamente regolare e calma. Mi sono trovata davanti ad un disordine formidabile del pensiero e del sentimento, che non ho osato toccare, e davanti al quale mi vergogno della letteratura.

La narrazione è ambientata in Francia, fra il 1944 e il 1945, durante la ritirata dei tedeschi e la liberazione dei campi di concentramento. In quel periodo l’autrice, in attesa del marito Robert Antelme, militava nella Resistenza e scriveva per “Libres” un giornale che dava informazioni sui deportati alle loro famiglie.

Il primo testo, il più toccante, narra l’attesa del ritorno. 

Durante la liberazione dei campi di concentramento l’autrice aspetta l’arrivo del marito  dal campo di Dachau, o la comunicazione della sua morte. La Duras non ha più sue notizie da molto tempo e questa attesa è logorante sia nel corpo che nell’anima. Quello che emerge da questo racconto è una donna forte, ma duramente provata dall’incertezza sul destino del proprio compagno. 

L’attesa è così snervante da ridurre l’autrice allo stremo delle forze, non mangia quasi più ed ha la mente offuscata dalla paura, realtà e fantasia si mescolano in un susseguirsi di pensieri tragici e speranzosi.

Io continuo ad aspettare perché niente è sicuro, forse ne ha per un secondo ancora. Forse morirà di qui a un secondo, la cosa ancora non è accaduta. Così di secondo in secondo la vita lascia anche noi, più nessuna possibilità, poi la vita ritorna, tutte le possibilità ritornano con lei.

Quello che torna dal campo di concentramento però non è l’uomo che l’autrice ricordava, ma un altro, fortemente debilitato nel corpo e nello spirito, segnato dalla privazione del cibo, prima durante la prigionia e una volta a casa per poter guarire.

Non lo riconosco. Mi guarda, sorride. Si lascia guardare. Una fatica soprannaturale nel suo sorriso, la fatica di essere arrivato a vivere sino a questo momento. E’ un sorriso che improvvisamente riconosco, ma lontano, come lo vedessi in fondo a un tunnel. Un sorriso confuso. Si scusa di essere ridotto così, un rifiuto. Poi il sorriso scompare. Torna a essere uno sconosciuto. Ma ora so che quello sconosciuto è lui, Robert L., nella sua interezza.

Il dolore di Marguerite Duras

Il dolore di Marguerite Duras


Titolo: Il dolore

Autrice: Marguerite Duras

Traduttori: Laura Guarino e Giovanni Mariotti

Editore: Feltrinelli

Pubblicazione: 1985

Genere: Romanzo Autobiografico

ACQUISTA SU AMAZON


Il dolore di un popolo

Marguerite Duras in questo romanzo non ci racconta solo il proprio dolore, ma quello di un intero popolo, segnato dalla seconda guerra mondiale, è un pezzo della nostra storia che non dev’essere dimenticato.

Noi apparteniamo all’Europa, tutto questo accade qui, in Europa, siamo chiusi in questo recinto agli occhi del resto del mondo. Intorno a noi, stessi mari, stesse invasioni, stesse guerre. Siamo della razza dei bruciati nei crematori, dei gasati di Maidanek, della razza dei nazisti anche. Funzione livellatrice dei crematori di Buchenwald, della fame, delle fosse comuni di Bergen-Belsen. Una parte di noi sta in quelle fosse, quegli scheletri straordinariamente uguali appartengono a una sola famiglia europea.

È un dolore da condividere col resto del mondo per impedire che tragedie come questa si ripetano in futuro, per creare una coscienza comune.

Se l’orrore nazista viene considerato un destino tedesco, non un destino collettivo, l’uomo di Belsen sarà ridotto a vittima di un conflitto locale. Una sola risposta per un tale crimine: trasformarlo nel crimine di tutti. Condividerlo. Come si condivide l’idea di eguaglianza, di fraternità. Per sopportarlo, per tollerarne l’idea, condividere il crimine.

Lo stile

In quest’opera l’autrice è sincera, talvolta brutale, le descrizioni sono molto dettagliate e lo stile è incisivo, con frasi brevi e dirette.

L’autrice: Marguerite Duras

Marguerite Duras nacque a Saigon il 4 Aprile 1914 e morì a Parigi il 3 Marzo 1996.
Visse a Saigon fino al 1932 quando si trasferì a Parigi per studiare, ma l’esperienza in Indocina fu per lei molto importante e traspare nelle sue opere.
Nel 1939 sposò lo scrittore Robert Antelme.
Negli anni della seconda guerra mondiale militò nella resistenza e collaborò al giornale “Libres”.
Fu scrittrice e regista, una delle sue opere più famose è “L’amante” da cui è stato tratto l’omonimo film, che parla della relazione tra l’autrice quindicenne  e un uomo cinese molto più grande di lei, raccontata anche nel romanzo “L’amante della Cina del Nord”.

Ti è piaciuto questo articolo_ Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *